Le prime linee guida per la chirurgia bariatrica in pediatria

1
356
Valerio Nobili
Valerio Nobili

Un gruppo di esperti, coordinati Valerio Nobili, responsabile di malattie epato-metaboliche dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, ha messo a punto le prime linee guida internazionali per la chirurgia bariatrica in ambito pediatrico. Sulla base delle evidenze scientifiche e del parere degli esperti, le linee guida recentemente pubblicate sul Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition, delineano un approccio internazionale standardizzato alla chirurgia dell’obesità. Nel documento viene indicato come questa debba essere limitata a due gruppi di pazienti pediatrici: quelli con indice di massa corporea pari o superiore a 40 e quelli con un BMI tra 35 e 40 associato a fegato grasso o ad altre gravi patologie mediche correlate all’obesità, come il diabete, l’ipertensione o le apnee notturne.

«Queste indicazioni sono importanti – spiega Valerio Nobili – perché fino a oggi, in assenza di parametri internazionali validati e riconosciuti, il bambino o l’adolescente che ne aveva bisogno restava fuori dall’opzione chirurgica o vi accedeva in tempi e modi non adeguati, magari in ritardo, quando ormai i principali organi coinvolti risultavano già compromessi».

Gli interventi di chirurgia dell’obesità indicati nel documento comprendono: interventi laparoscopici di tipo restrittivo come la sleeve gastrectomy o il bendaggio gastrico, e interventi di tipo malassorbitivo come il by-pass gastrico o la diversione bilio-pancreatica, generalmente indicata nei casi estremi con BMI>50. In alcuni casi meno gravi, o al di sotto dei 13-14 anni di età, è spesso preferito l’utilizzo dei meno invasivi palloncini intragastrici.

Le linee guida raccomandano siano presi in considerazione per la chirurgia bariatrica fattori come la maturità fisica e psicologica del paziente; il desiderio di sottoporsi alla procedura; i precedenti tentativi di perdita di peso; la capacità di rispettare le cure mediche di follow-up.

È stata creata inoltre un’apposita repository online, rivolta ai medici pediatri, per raccogliere in forma anonima, a fini di ricerca, i dati relativi a tutti i bambini e gli adolescenti sottoposti a qualsiasi tipo di procedura di perdita di peso.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here