ACP e Slow Medicine

0
103

Female doctor examining happy childPratiche a rischio di inappropriatezza. L’Associazione culturale pediatri (ACP) ne ha selezionate cinque, che sono state pubblicate sul sito di Slow Medicine. Come spiegato da Anna Maria Falasconi, referente ACP per il progetto “Fare più non significa fare meglio” lanciato da Slow Medicine nel 2012, sono pratiche di cui medici e pazienti dovrebbero parlare, procedure per la diagnosi o la terapia usate nella pratica di tutti i giorni, che non forniscono benefici significativi sulla base delle prove disponibili considerando le categorie principali di pazienti e che potrebbero esporre questi ultimi a danni. Le cinque pratiche elencate nella scheda, ciascuna con una spiegazione di approfondimento, sono:

■ evitare l’uso abituale dei cortisonici inalatori nelle flogosi delle prime vie respiratorie dei bambini;

■ astenersi dal prescrivere aggiunte di latte artificiale nei primi giorni di vita ai neonati in assenza di provate indicazioni mediche;

■ non prescrivere antibiotici nelle patologie delle vie respiratorie presumibilmente virali in età pediatrica (sinusiti, faringiti, bronchiti);

■ non effettuare Rx torace per la diagnosi e il follow up di polmonite non complicata nel bambino;

■ evitare la somministrazione di farmaci (anti H2, procinetici, inibitori di pompa protonica-PPI) nel reflusso gastro esofageo (GER) fisiologico, che non compromette la crescita e non si associa a segni o sintomi sospetti di malattia da GER. Non prescrivere medicinali ai “vomitatori felici”.

Il progetto “Fare di più non significa fare meglio” cui l’ACP ha aderito coinvolge società scientifiche mediche, associazioni di consumatori e cittadini; la sua prima fase prevedeva appunto da parte delle Associazioni l’identificazione di cinque pratiche a rischio di inappropriatezza, mentre si passa ora all’applicazione delle raccomandazioni stesse nella pratica quotidiana con condivisione con i genitori. La scheda dell’ACP è stata realizzata con le indicazioni arrivate dagli iscritti che erano maggiormente segnalate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here