Ipotiroidismo nel neonato pretermine

0
2093

18229La nascita prima del termine rappresenta un significativo fattore di rischio per l’ipotiroidismo eutopico, la cui successiva evoluzione rappresenta un evento difficilmente prevedibile; per porre diagnosi di certezza è indispensabile la rivalutazione a distanza secondo protocolli standardizzati. Queste le conclusioni di uno studio che ha valutato retrospettivamente l’evoluzione e le caratteristiche cliniche permanenti dell’ipotiroidismo in 24 nati pretermine risultati positivi allo screening neonatale per ipotiroidismo congenito: valore soglia del TSH al primo screening ≥10 mU/L e al secondo screening ≥5 mU/L. Dopo il compimento del secondo anno di vita, i pazienti con tiroide in sede eutopica sono stati sottoposti a valutazione della funzionalità tiroidea e a ecografia dopo sospensione del trattamento con l-tiroxina. Il primo screening aveva identificato il 21,7% dei pazienti con livelli del TSH oltre soglia, il secondo screening il 73,9% dei casi, mentre un paziente (4,4%) era stato identificato a un terzo test di screening. Dei 24 pazienti, 21 avevano una tiroide in sede eutopica e 3 una disgenesia tiroidea.

Alla rivalutazione dopo il secondo anno di vita e dopo sospensione temporanea della terapia sostitutiva, 5 pazienti (23,8%) mostravano un ipotiroidismo permanente (TSH sierico ≥10 mU/L ) con necessità di ripresa del trattamento, 5 pazienti (23,8%) mostravano un quadro di persistente aumento del TSH (TSH sierico 5-10 mU/L), mentre in 11 pazienti (52,4%) era stato possibile diagnosticare una forma transitoria di ipotiroidismo (TSH sierico  <5 mU/L ). Le caratteristiche cliniche salienti nei casi con ipotiroidismo permanente mostravano: riproduzione medicalmente assistita in un soggetto, gemellarità in 2, dismaturità (LBW) in 2, tiroidite materna in 1, e in 2 pazienti un quadro di tipo sindromico/malformativo.

Vigone MC, Caiulo S, Di Frenna M, et al. J Pediatr 2014; 164(6): 1296-302.

Dipartimento di Pediatria, Università Vita-Salute San Raffaele IRCCS, Milano; UO Terapia Intensiva Neonatale, Dipartimento di Scienze Cliniche e Sanità Pubblica, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università di Milano; Centro Regionale per lo Screening Neonatale, Ospedale Buzzi, Milano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.