La SIN presenta il primo database neonatale nazionale

2079

new born babyÈ stato presentato in occasione del XX congresso della Società Italiana di Neonatologia il Neonatal Network, un database per la raccolta, a livello locale e nazionale, di dati relativi ai neonati nel nostro Paese. Dati generali, notizie ostetrico-perinatali, problematiche neonatali e dimissione, queste le informazioni che i centri aderenti al network saranno chiamati a fornire.

Per migliorare l’assistenza neonatale è, infatti, indispensabile avere una chiara visione dell’epidemiologia delle cure al neonato, ma oggi la raccolta di questo tipo di dato in Italia è delegata ad istituti come l’ISTAT o anche al rapporto CEDAP. Tali informazioni risultano utili, ma non sufficienti alle esigenze della SIN, che attualmente non ha possibilità di confrontarsi con le Istituzioni con dati propri e in tempi utili. In alcune Regioni italiane quali Lazio, Toscana, Emilia-Romagna, esistono già dei network area-based che hanno però una utilità prevalentemente locale e che sono limitati ai neonati con età di gestazione < 32 settimane e/o peso alla nascita < 1.500 grammi. Inoltre da anni in Italia è attivo l’INN (Italian Neonatal Network) che ha permesso a molti centri nazionali di confrontarsi con i dati di tutti i centri italiani partecipanti al Network e con il Vermont Oxford Network, sempre però relativamente ai neonati pretermine (EG <32 settimane e/o PN <1.500 grammi). Ormai da alcuni anni, però, la letteratura internazionale e nazionale ha posto l’accento sui neonati late preterm (EG 34-36 settimane) o moderately preterm (EG 32-33 settimane) partendo da dati epidemiologici che ne dimostravano la maggiore suscettibilità a patologie neonatali, la maggiore mortalità e il maggior rischio di esiti a distanza di tipo neuro-psicomotorio e comportamentale.

La SIN ha dunque sentito quindi l’esigenza di poter disporre di dati propri: è così che prende vita il Neonatal Network, un database semplice, ma completo, che costituisce una piattaforma operativa per tutti i centri di assistenza per neonati pretermine che aderiranno all’iniziativa. Il database consentirà di disporre di informazioni omogenee su tutto il territorio nazionale, avendo così la possibilità di confrontare tutti i dati della stessa regione o anche con gli altri centri italiani, in una vera e propria rete utile e fruibile da parte dei neonatologi.