Eliminazione del morbillo: riunione con l’OMS

1899

Little baby get an injectionDue giorni di confronto al Ministero della salute sulla situazione con una delegazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (del Piano globale di eliminazione del morbillo e della rosolia) e componenti della Commissione regionale europea di Verifica dell’eliminazione del morbillo e della rosolia. L’Italia è impegnata dal 2003 nel programma di eliminazione, e l’incontro era mirato alla valutazione della situazione e al supporto nel superamento di problemi. Erano presenti, tra gli altri, sul versante italiano, anche le società scientifiche SItI (Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica), SIP (Società italiana di pediatria), FIMP (Federazione italiana medici pediatri) e FIMMG (Federazione italiana medici di medicina generale), che hanno contribuito al calendario vaccinale che è in fase di studio da parte del Ministero e delle Regioni. A fine febbraio l’OMS-Regione europea aveva riportato l’attenzione sulla situazione rispetto al controllo del morbillo: oltre 22.000 casi nel 2014 e inizio 2015 in sette Paesi (Kyrgyzstan, Bosnia ed Erzegovina, Federazione Russa, Georgia, Italia, Germania, Kazakistan), con l’Italia al quinto posto. Nel 2014 anno i casi di morbillo segnalati in Italia sono stati 1.674, e sono aumentati quelli che hanno reso necessario il ricovero (il 29,4 per cento), per la frequenza della malattia nei piccoli non ancora vaccinati o con ciclo vaccinale non completato, e nei giovani adulti. L’obiettivo di una copertura pari al 95 per cento, necessario per il controllo ed eliminazione, è lontano, con una percentuale di circa l’88 per cento l’ultimo anno. L’incontro tra i rappresentanti di diversi gruppi voleva far emergere le diverse criticità, chiarire ruoli e responsabilità e trovare un percorso condiviso per l’eliminazione delle due malattie, morbillo e rosolia.