Una medaglia bifronte

0
1573

health and beauty concept - smiling little girl drinking milk out of glass

L’American Academy of Pediatrics (APP) ha pubblicato un “clinical report” dedicato alla prevenzione comune dell’obesità e dei disturbi della condotta alimentare (DCA) (Pediatrics 2016; 138: e20161649). Sebbene in lieve riduzione, l’obesità continua a rappresentare il più frequente disturbo legato alla malnutrizione nei minori. Oltre a errori alimentari intervengono nella sua origine errati stili di vita, che spesso coinvolgono tutto il nucleo familiare (Il Pediatra 2016; 3: 10-12). Di contro, in questi ultimi anni si è assistito a un costante incremento dei DCA, cioè anoressia nervosa, bulimia nervosa e disturbi della nutrizione non altrimenti specificati, nella popolazione pediatrica con insorgenza a età sempre più precoci. Nel loro insieme i DCA rappresentano la terza causa di malattia cronica negli adolescenti con un incremento dei ricoveri in USA del 119% tra il 1999 e il 2006 (Agency for Care Policy and Research, 2011). Queste patologie possono infatti compromettere seriamente la salute di tutti gli organi e apparati e portare anche a morte. Sebbene il rapporto maschi: femmine sia ancora descritto come 1: 9, stanno rapidamente aumentando i ragazzi con DCA – soprattutto nella prima adolescenza – e stanno emergendo forme atipiche (ortoressia, bigoressia, triade dell’atleta amenorroica, cioè disturbi nutrizionali, amenorrea, osteoporosi).

Non raramente un DCA può insorgere in un adolescente precedentemente in sovrappeso, che ‒ in base ai consigli di amici, media o anche “professionisti” di area sanitaria ‒ inizia una “dieta” inadeguata e non controllata e/o un’intensa attività fisica con apporto energetico insufficiente e eccessiva perdita di peso con conseguenze a volte pericolose.

Le due facce della medaglia (obesità e DCA) sono quindi strettamente collegate tra loro, tanto che alcuni nuovi orientamenti di ricerca, basati su studi di “neuroimaging” funzionale dei neuro-circuiti della serotonina e della dopamina, indirizzano verso una nuova concettualizzazione dei disturbi nutrizionali, proponendo uno spettro psico-patologico unico. L’attitudine del soggetto al controllo degli impulsi rappresenterebbe l’espressione fenotipica in questo modello caratterizzato da poli contrapposti: uno legato a eccesso di controllo (anoressia nervosa) e l’altro a assenza di controllo nutrizionale (obesità, disturbo da alimentazione incontrollata) (Brooks et al. BMC Psychiatry 2012; 12: 76), che possono variare con l’età.

Ecco dunque le nuove raccomandazioni dell’APP, che i pediatri ‒ e anche i genitori ‒ possono mettere in atto per prevenire sia l’obesità sia i DCA. Si tratta di 6 mosse “evidence-based”, che prevedono di sconsigliare fortemente diete, salto dei pasti e uso di prodotti pubblicizzati come dimagranti e al contempo favorire un’alimentazione sana associata a un’adeguata attività fisica, promuovere un’immagine corporea positiva, incoraggiare il consumo di pasti regolari all’interno di tutta la famiglia, scoraggiare i genitori a focalizzare i colloqui con i figli sul peso corporeo, ricercare episodi di maltrattamento o di bullismo correlati al peso e discutere di questi aspetti con la famiglia e l’adolescente, monitorare attentamente eventuali perdite di peso. In pratica, poche attenzioni possono determinare un importate miglioramento per le principali emergenze nutrizionali di oggi. A queste raccomandazioni, è bene sempre ricordare ai ragazzi che i media elettronici e pubblicità non sono specchi della realtà, ma “cattivi maestri”, che spesso forniscono un’immagine del tutto irreale e distorta di una corretta alimentazione.

Il pediatra deve quindi avere la forte consapevolezza che l’alimentazione rappresenta ancora una sfida professionale per assicurare un’ottimale stato di salute a bambini e adolescenti e che sempre più deve configurarsi come il “nutrizionista” d’eccellenza dei minori.

Silvano Bertelloni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.