Corticosteroidi prenatali: effetti sulla sopravvivenza

2802
©Stockbyteª All rights reserved Contact: Stockbyteª Freephone Ireland 1800 379 379 United Kingdom 0800 90 91 90 United States 1800 660 9262 Universal Freephone 00800 7862 2983 United States Phone 011 353 66 7149300 Fax 011 353 66 7180376 International Phone ++353 66 7149300 Fax ++353 66 7180376 Web http://www.stockbyte.com email info@stockbyte.com This image may only be used by a licensed user, it may not be reproduced without licensing the appropriate Stockbyteª high resolution CD or image. License available at http://www.stockbyte.com. If you have any questions regarding the terms of the license, contact Stockbyteª before use.

 

Norberg H et al. BJOG 2017; 124: 1567-1574

La somministrazione di corticosteroidi (CS) alla madre viene utilizzata per migliorare l’outcome di nati estremamente pretermine. In questo studio multicentrico comprendente tutte le unità di terapia intensiva neonatale svedesi è stato valutato il tasso di sopravvivenza precoce (0-27 giorni) e nel primo anno di vita in nati tra le 22 e le 26 sett. di gestazione (n = 707 di cui l’84% trattato con CS prenatali) in rapporto all’intervallo tra somministrazione di CS e parto. Il tasso di sopravvivenza neonatale e totale nei neonati esposti ai CS tra 24 ore – 7 giorni prima del parto è risultato migliore rispetto ai neonati non esposti o con le madri trattate in un periodo inferiore alle 24 ore o maggiore di 7 giorni dal parto, indicando che l’ottimizzazione della terapia ha importanti riflessi in termini di sopravvivenza. Inoltre, i neonati esposti ai CS hanno presentato una maggiore sopravvivenza senza grave morbidità neonatale rispetto a quelli non trattati (rispettivamente 14% vs 30-39%), dimostrando che la somministrazione di CS è in grado di determinare anche una migliore di importanti patologie neonatali. Gli effetti a lungo termine sul neuro-sviluppo e sul sistema di risposta allo stess di questo tipo di trattamento necessitano però di approfondimenti.