Una revisione sistematica ha provato a fare il punto sula prevalenza del disturbo e di segni e sintomi clinici associati

Quasi un bambino su tre la prevalenza, l’usura dentale il segno e la cefalea il sintomo più frequenti. Queste le conclusioni di una revisione sistematica della letteratura e metanalisi dedicata al bruxismo del sonno in età pediatrica.

Il lavoro si è posto l’obiettivo di valutare la prevalenza di segni e sintomi a livello del sistema masticatorio e la loro associazione con il bruxismo del sonno, comportamento di origine centrale collegato a diversi fattori. Sono stati isolati 22 studi, la cui qualità complessiva è stata valutata come scarsa.

La prevalenza del bruxismo del sonno nei bambini in revisioni sistematiche di qualche anno fa presentava ampie oscillazioni, da meno del 6% a quasi il 50%. Il presente lavoro ha riscontrato una prevalenza pari al 31,16%.

I segni e sintomi clinici con la prevalenza più alta erano l’usura del canino deciduo, l’usura dei denti e la cefalea, ma gli autori sottolineano la necessità di studi che abbiano una qualità alta per chiarire il quadro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.