Pubblicati i risultati di una ricerca dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in collaborazione con le Università di Tor Vergata, Sapienza e di Trento sul meccanismo che regola la proliferazione delle cellule tumorali

Scoperto il meccanismo della forma più aggressiva del medulloblastoma, e con esso la possibilità di impostare una terapia che blocchi la crescita del tumore e la sua diffusione con metastasi. La notizia viene dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in collaborazione con le Università di Tor Vergata, Sapienza e di Trento e il loro lavoro ha trovato spazio sulle pagine di Acta Neuropathologica (primo autore Francesca Nazio, ricercatrice del Bambino Gesù).

Il medulloblastoma con un’incidenza in Italia di 7 bambini ogni milione, ha un tasso di sopravvivenza globale dell’80% nei casi a rischio “standard”, del 30-60% in quelli ad alto rischio, riporta il comunicato che annuncia la scoperta. Attualmente il trattamento di questo tumore cerebrale maligno comporta l’asportazione chirurgica e successive radioterapia e chemioterapia, ma ci sono cellule staminali cancerose resistenti a tali trattamenti che infiltrano e si diffondono al midollo spinale. La ricerca, sostenuta dall’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC) e realizzata nei laboratori dell’Area di Oncoematologia del Bambino Gesù, è stata coordinata dal direttore di Medicina Sperimentale e di Precisione e dell’Area di Oncoematologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Franco Locatelli, e da Francesco Cecconi (ricercatore del Bambino Gesù e professore ordinario all’Università di Roma “Tor Vergata”), con la collaborazione come prima indicato delle Università di Roma “Tor Vergata” e “Sapienza” e dell’Università di Trento.

Lo studio ha evidenziato un nuovo meccanismo molecolare che, se alterato, comporta l’aggressività del medulloblastoma. Infatti nella forma più a rischio di morte, il tumore del Gruppo 3, viene prodotta in eccesso la proteina Ambra1, e ne consegue un’anomalia di quello che essa regola (autofagia e identità staminale): l’autofagia è potenziata, con sfruttamento da parte delle cellule del tumore per sopravvivere e proliferare, e le cellule si mantengono in una condizione staminale, con replicazione più veloce e facilitazione alla migrazione e formazione di metastasi.

Sulla base della scoperta di questo meccanismo, è stato visto come la combinazione di due farmaci, che inibiscono uno l’autofagia e l’altro il fattore di staminalità STAT3, permette di bloccare la crescita del medulloblastoma e la formazione di metastasi. “Molti bambini presentano già metastasi al momento della diagnosi, rendendo imprescindibile lo sviluppo di terapie più efficaci”, dice Francesco Cecconi, e conclude: “Per i pazienti con medulloblastoma di Gruppo 3, che hanno una prognosi spesso infausta, c’è un urgente bisogno di integrare nuove possibilità di trattamento e, ovviamente se confermati nell’applicazione clinica, i nostri risultati potrebbero portare a una terapia personalizzata di questa forma aggressiva di tumore cerebrale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.