Sigarette elettroniche: un gruppo per la stesura di linee guida

1807
Susanna Esposito, presidente WAidid

 

Susanna Esposito, presidente WAidid
Susanna Esposito, presidente WAidid

Secondo una indagine Doxa dal titolo il “Fumo in Italia”, nel 2014 il 14% degli utilizzatori di sigarette elettroniche erano adolescenti. Sebbene questo dato sia oggi in calo, alcuni studi hanno dimostrato che i prodotti della combustione non sono privi di rischi per la salute, nonostante la loro tossicità sembra essere inferiore a quella delle sigarette tradizionali. Da qui la necessità di chiarire l’eventuale rischi commessi all’uso e di valutare eventuali limitazioni. Per questo si è recentemente si è tenuta a Losanna la prima riunione del Gruppo di Studio ERS (European Respiratory Society) per la stesura delle prime “Linee Guida europee sull’utilizzo della sigaretta elettronica in età adolescenziale e adulta: valida alternativa alla sigaretta o pericoloso surrogato?” Come rappresentante pediatra ha partecipato Susanna Esposito, presidente WAidid, Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici: «Le linee guida ERS sono solo all’inizio del loro percorso – ha dichiarato – abbiamo, però, discusso dei possibili effetti nocivi derivanti dall’uso delle sigarette elettroniche anche a seguito dell’esposizione al fumo passivo, delle diversità tra una marca e l’altra e della necessità di ulteriori studi non sponsorizzati dalle industrie produttrici sui loro effetti a distanza».