SARS-CoV-2 ha avuto e ha un impatto anche su prevenzione, diagnosi e cura di altre patologie nei bambini

Una riduzione nell’accesso ai servizi sanitari, un ritardo nella diagnosi che può comportare conseguenze sulla prevenzione o evoluzione di condizioni cliniche diverse da COVID-19. Le conseguenze sulla salute dei bambini della pandemia da SARS-CoV-2 devono considerare non solo i casi di infezione più o meno grave, ma anche gli effetti indiretti sulla prevenzione e cura di altre patologie nell’infanzia.

Appuntamenti per le vaccinazioni rimandati, ritardi nelle diagnosi, interruzione di terapie, impatto negativo sugli stili di vita e sugli aspetti psicologici, effetti sulla formazione conseguenti all’isolamento e alla mancata frequenza scolastica, aumento delle diseguaglianze. Il bilancio della COVID-19 dovrà tenere conto anche di tutti questo aspetti negativi, sottolineati dalla Società Italiana di Pediatria (SIP), e del loro impatto sulla vita e lo sviluppo dei bambini.

Sul tema vaccinazioni ci sono già dati a disposizione, provenienti da un’indagine (realizzata da SIP e Pazienti.it) che riporta i numeri riferiti alla prima ondata: il rinvio dell’appuntamento vaccinale per paura del contagio o chiusura dei centri ha interessato quasi il 30% dei genitori (3 genitori su 10). Non solo, si sono ridotti anche gli accessi al Pronto soccorso, una riduzione calcolata pari al 40%, che in alcune zone è arrivata all’80%. Una riduzione nell’accesso ai servizi sanitari può comportare un ritardo nella diagnosi in condizioni in cui l’intervento precoce può essere fondamentale per evitare complicanze gravi o anche fatali.

In questo contesto, Giovanni Corsello Past-President SIP, richiama anche l’attenzione sulle conseguenze pesanti per i bambini fragili: “quel milione di bambini con patologie croniche complesse che durante le fasi più acute della pandemia si sono trovati nella impossibilità di seguire i controlli previsti, di raggiungere i centri ospedalieri e spesso anche gli ambulatori dei pediatri di famiglia, con conseguenze negative sia sul piano clinico, sia sul piano psicologico”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.