Aboca premiata tra le Eccellenze dell’Informazione Scientifica

0
50

 

Il riconoscimento dell’Osservatorio Comunicazione Medico Scientifica (OCMS) al progetto
“Intestino irritabile: curare il paziente nella sua globalità grazie a trattamenti
Evidence based Naturals”

Originalità, qualità, correttezza, innovatività, unicità, memorabilità ma soprattutto utilità per il medico e per il paziente: sono le principali qualità riconosciute al progetto “Intestino irritabile: curare il paziente nella sua globalità grazie a trattamenti Evidence based Naturals”, con il quale Aboca si è aggiudicata il premio speciale nutraceutici del prestigioso concorso “Eccellenze dell’Informazione Scientifica e la centralità del Paziente”. Nello specifico, il progetto di informazione scientifica di Aboca, nominato dai medici e premiato dalla giuria, ha approfondito la complessità del paziente con disturbi gastrointestinali funzionali proponendo un modello di studio aderente alla realtà quotidiana della pratica ambulatoriale e coerente a una visione sistemica dell’organismo.

Il premio, giunto alla IV edizione, è promosso dall’Osservatorio Comunicazione Medico Scientifica (OCMS) ed è “l’unico premio in cui sono i medici a decidere”. Come ha ricordato il presidente dell’Osservatorio, Salvatore Ruggero: “nessuno può candidarsi: i progetti sono selezionati e proposti da un panel di medici reclutati attraverso un grande sondaggio”. Il questionario di questa edizione è stato lanciato nel periodo febbraio-maggio 2020 su 250.000 medici e gli 8.980 che lo hanno completato e hanno espresso oltre 28.000 segnalazioni. Ai medici è stato chiesto di indicare i progetti che hanno realmente supportato la loro professione, favorendo un miglioramento nella comunicazione medico-paziente. I progetti maggiormente segnalati sono stati valutati da una giuria di 12 esperti appartenenti al mondo delle Istituzioni, delle Società Scientifiche e delle Associazioni di Pazienti tra cui: SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), SIGG (Società Italiana di Geriatria e Gerontologia) e SIP (Società Italiana di Pediatria). Il premio, patrocinato dalla FNMOCEO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), dalla SIMG, da Farmindustria e Cittadinanzattiva ha l’obiettivo di incentivare il perseguimento dell’eccellenze quale strada imprescindibile per migliorare l’aderenza terapeutica, gli stili di vita e la centralità del paziente.

Il premio, conferito durante una cerimonia “digitale” lo scorso 9 luglio, è un importante riconoscimento degli sforzi che Aboca compie da anni per favorire l’applicazione clinica dei vantaggi dei “sistemi di molecole naturali” in termini di beneficio/rischio favorevole soprattutto per il paziente con disturbi funzionali, con multimorbilità e in politerapia.


Intestino irritabile, il progetto di Aboca

Il modello proposto da Aboca, basato sui network fisiopatologici configurati dalle interazioni dinamiche tra funzioni alterate, è in grado di spiegare perché i disturbi gastrointestinali si manifestino spesso come entità complesse, difficili da trattare soprattutto se considerati singolarmente. Le sostanze naturali, intrinsecamente complesse, sono in grado di dialogare con tale complessità: modulano i networks biologici, integrando e potenziando i meccanismi di protezione endogeni dell’organismo e promuovendo la regolazione sistemica dell’omeostasi con un rapporto beneficio/rischio favorevole per il paziente con disturbi funzionali, con multimorbilità e in politerapia.

La comunicazione è stata sviluppata dal gruppo di lavoro composto da: Stefania Santoro (Medical Communication Strategy Manager), Emiliano Giovagnoni (Innovation & Medical Science), Roberto Margiacchi (Corporate Communication Manager), Corinne Morettini (Corporate Medical Communication Specialist) e dalla Rete di informatori medici Aboca.

 

Vai al sito del premio “Eccellenze dell’Informazione Scientifica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.