SIN e SIP esprimono commenti positivi in merito all’assegno unico per i figli, ma sottolineano l’importanza di sostenere i soggetti più fragili

Il Presidente della Società Italiana di Neonatologia (SIN) Fabio Mosca e il Presidente della Società Italiana di Pediatria (SIP) Alberto Villani si sono espressi in merito all’approvazione al Senato della Delega al Governo per riordinare, semplificare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’assegno unico e universale, già passata alla Camera nel luglio 2020, richiamando l’attenzione sui bisogni dei bambini più vulnerabili, come i bimbi nati prematuri o quelli con patologie gravi.

“L’approvazione al Senato dell’assegno unico universale per i figli è un primo importante passo verso la rivisitazione delle misure a sostegno delle famiglie, di cui va riconosciuto il merito alla Ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti ed a tutto il Governo”, hanno commentato Fabio Mosca e Alberto Villani. “Il Family Act rappresenta finalmente un approccio più organico e strutturato per rimettere la famiglia al centro di tutte le politiche economiche e sociali e per contrastare il grave problema della denatalità, accentuato dalla pandemia in corso. Non dobbiamo però dimenticare i soggetti più fragili, come i neonati prematuri e tutti i bambini affetti da gravi patologie. La nascita di un neonato prematuro e la sua successiva dimissione richiedono attenzioni particolari ma anche risorse per consentire alle famiglie di seguirlo nel modo più opportuno”.

I neonati ad alto rischio, nati pretermine, sono circa 30.000 ogni anno in Italia, fra cui 4.500 di 1.500 grammi di peso e 32 settimane di gestazione; vi sono poi neonati con sofferenze feto-neonatali, malattie metaboliche o altre malattie rare o croniche. Il termine neonati “fragili” su cui SIN e SIP richiamano l’attenzione sono circa 16.500 in un anno, con bisogni particolari di assistenza, follow up e sostegno alla loro famiglia. Necessitano un’assistenza in specifici Servizi di Follow-up multidisciplinare, collegati ai Centri di riferimento di Terapia Intensiva Neonatale, per migliorare la prognosi e intervenire tempestivamente e adeguatamente sulle problematiche possibili, anche in termini di prevenzione e trattamento abilitativo-riabilitativo.

In Italia i Servizi di Follow-up del neonato risultano ancora eterogenei e spesso con risorse strutturali e di personale insufficienti, in quanto non riconosciute ufficialmente da parte del Sistema Sanitario Nazionale. Una situazione sottolineata dai presidenti di SIN e SIP, che affermano: “I fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) rappresentano una grande opportunità per il nostro Paese, per focalizzare l’attenzione sui più deboli. La Società Italiana di Neonatologia e la Società Italiana di Pediatria sostengono da tempo il necessario ufficiale riconoscimento dei Servizi di Follow-up del Neonato dal nostro Sistema Sanitario e che si configuri come una Rete di Servizi specifica per soddisfare le complesse esigenze post-dimissione del neonato a rischio evolutivo e della sua famiglia. Chiediamo pertanto, che le nuove risorse siano destinate anche a costituire in ogni Regione una rete di Servizi di Follow-up per seguire i neonati prematuri o con patologia cronica in modo duraturo nel loro percorso di crescita e per sostenere le loro famiglie anche con un’assistenza domiciliare adeguata”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.