L’indagine di Facile.it commissionata agli istituti di ricerca mUp Research e Norstat mostra i nuovi timori nei confronti degli effetti del cambio di vita imposto dalla pandemia

Paura dell’impatto psicologico sui figli, paura sulle lacune che avranno, paura sul ritorno a scuola e alla vita di prima, agli incontri e relazioni. I risultati dell’indagine di Facile.it, commissionata agli istituti di ricerca mUp Research e Norstat, mostrano un quadro diffuso di nuovi timori dei genitori per i loro figli collegati alle restrizioni e al cambio di vita imposto per mesi dalle restrizioni per la pandemia.

L’indagine è stata realizzata tra il 29 aprile e il 3 maggio 2021, oltre 1.000 interviste CAWI a un campione di persone di età compresa tra 18 e 74 anni. I risultati mostrano che 6 genitori su 10 dicono di avere paure per i figli che prima della pandemia non avevano.

In particolare, il possibile impatto psicologico negativo del lockdown sui figli è riportato da oltre 1 persona su 3 di coloro che hanno dichiarato di avere sviluppato nuovi timori; il 26,8% è preoccupato di possibili lacune conseguenti alla didattica a distanza e nello stesso tempo molti sono preoccupati dal rientro a scuola; inoltre, il 26,3% teme l’utilizzo dei mezzi pubblici da parte dei ragazzi e il 18,1% vede con preoccupazione l’incontro dei figli con amici. Fra i due genitori, le nuove paure sono più frequenti fra le mamme (67,1% vs 64,4%) e fra chi risiede nel Sud e nelle isole (74,9% vs 65,8% come dato nazionale).

“Questa pandemia ha scatenato paure e incertezze che hanno investito la nostra quotidianità e destabilizzato il ‘pianificato’ futuro. Preoccupante per i genitori è l’impatto che la chiusura della scuola e la didattica on line ha sui bambini di ogni età”, ha affermato Raffaela Messina, psicologa. “La distanza dagli amici, la mancanza di intesa tra i banchi e della parola scambiata con il compagno, hanno reso l’apprendimento una costrizione sterile. Irritabilità, disattenzione e ritiro sociale ne sono il risultato; comportamenti con i quali paure e risorse dei genitori oggi ancor di più devono confrontarsi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.