Al Burlo Garofolo di Trieste è stato valutato l’impatto del microbioma ambientale sulla costituzione della flora batterica dei neonati

Non solo quello materno, anche quello ambientale, i microorganismi dell’ambiente ospedaliero influenzano la costituzione della flora batterica dei neonati e la presenza di batteri che possono contribuire allo stato di salute o malattia.

Lo studio, condotto all’IRCCS materno infantile Burlo Garofolo dalla Struttura Semplice Dipartimentale di Microbiologia Traslazionale Avanzata diretta da Manola Comar e pubblicato su Pathogens, ha preso in considerazione una trentina di neonati prematuri nati da parto naturale e ricoverati in terapia intensiva neonatale (Tin).

“Abbiamo effettuato tamponi nasali subito dopo il parto e dopo un periodo di degenza in Tin, confrontando il microbioma, ovvero l’insieme dei microrganismi presenti in questo caso nella cavità nasale dei piccoli, con il microbioma dell’ambiente della sala parto e della terapia intensiva”, racconta Carolina Cason, ricercatrice e prima autrice dello studio. “Abbiamo rilevato la presenza sia di microrganismi tipici del tratto vaginale della madre, sia di quelli ambientali presenti sulle varie superfici esaminate. Inoltre, si è osservato un aumento della colonizzazione dei neonati da parte dei batteri ambientali all’aumentare del periodo di degenza in Tin”.

È stata anche valutata la possibilità di insorgenza, in relazione alle colonizzazioni, di resistenze agli antibiotici, che rappresentano un’importante questione di sanità pubblica. Racconta ancora la ricercatrice: “Sono stati poi indagati i geni dell’antibiotico resistenza relativi ai batteri ambientali e si è visto che questi erano associati al tempo di permanenza in terapia intensiva”.

La ricerca ha indicato la rilevanza di controlli periodici della colonizzazione batterica dell’ambiente per prevenire infezioni e mettere in atto protocolli di sanificazione o di trattamento del paziente laddove necessario. “Dopo questo lavoro e in accordo con l’attuazione del piano di lotta all’antibiotico resistenza promosso dal Ministero della Salute, in collaborazione con l’Università di Ferrara e con la Direzione Sanitaria dell’Irccs, è stato introdotto, in alcuni reparti, un sistema di sanificazione alternativo che consiste nell’utilizzo di un detergente contenente microrganismi probiotici. Questi microrganismi “benefici”, oltre a non colonizzare il paziente, aderendo alle superfici su cui sono applicati, e consumando tutte le fonti di cibo disponibili, non permettono lo sviluppo dei microrganismi patogeni”, prosegue Carolina Carson, e conclude: “I risultati osservati finora sono promettenti e, una volta valutato il funzionamento di questo sistema su larga scala, speriamo si possa estenderne l’utilizzo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.