In Ucraina gli attacchi alle infrastrutture hanno interrotto le opportunità di apprendimento e due bambini rifugiati su tre non sono iscritti alle scuole del Paese ospitante

Sono oltre 5 milioni i bambini che non possono seguire gli studi in Ucraina per la guerra in corso da 11 mesi, periodo che si somma ai due anni di apprendimenti segnati dalla pandemia e agli oltre 8 anni di guerra per quelli dell’Ucraina orientale. Ad affermarlo l’Unicef, che “chiede maggiore supporto internazionale per assicurare che i bambini non vengano lasciati ulteriormente indietro”.

Migliaia di scuole, asili e altre strutture sanitarie sono state distrutte in Ucraina, prosegue l’Unicef; inoltre, chi segue i bambini è riluttante nel mandarli a scuola per paura per la loro sicurezza. E se oltre 1,9 milioni di bambini accedevano alle opportunità di apprendimento online e 1,3 milioni si iscrivevano a una combinazione di lezioni di persona e online, gli attacchi contro l’elettricità e altre infrastrutture energetiche hanno reso ancora più difficile seguire le lezioni virtuali.

Ai numeri dei bimbi in Ucraina si aggiungono le stime riguardanti i bambini rifugiati, secondo le quali due su tre non sarebbero iscritti al sistema scolastico del Paese che li ospita; le motivazioni sono diverse, dalle capacità formative limitate alla scelta da parte di molte famiglie di rifugiati dell’apprendimento online e non nelle scuole, nella speranza di tornare a casa presto.

Sottolinea Afshan Khan, Direttore Regionale dell’UNICEF per l’Europa e l’Asia Centrale: “Le scuole e gli ambienti formativi per la prima infanzia forniscono un senso fondamentale di stabilità e sicurezza ai bambini e perdere l’istruzione può avere conseguenze per la vita. Non c’è un pulsante di pausa. Non si può semplicemente rimandare l’istruzione dei bambini e tornare ad occuparsene una volta affrontate altre priorità, senza mettere a rischio il futuro di un’intera generazione”.

L’Unicef chiede in Ucraina la fine degli attacchi contro le strutture scolastiche e altri obiettivi civili, comprese le infrastrutture energetiche, un maggiore supporto per assicurare l’accesso a materiali per l’apprendimento offline aiuti per garantire che continuino a studiare e rimangano connessi a coetanei e insegnanti, e “sostegno per il piano di ripresa dell’Ucraina e gli sforzi per la ricostruzione e il ripristino delle scuole e degli asili”.

Rispetto alla situazione nei Paesi ospitanti, chiede “che venga data priorità all’integrazione dei bambini ucraini rifugiati nei sistemi scolastici nazionali a tutti i livelli di istruzione, soprattutto per l’istruzione della prima infanzia e quella primaria – con insegnanti qualificati, materiali scolastici e spazi disponibili per supportare l’apprendimento in presenza, il loro sviluppo e il benessere”, superando gli ostacoli dal punto di vista normativo e amministrativo. Se tale accesso alle scuole non può essere garantito immediatamente, chiede che vengano forniti percorsi multipli di apprendimento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.