Divezzamento e allergia alimentare

0
2631

 Celiachia e svezzamento

L’introduzione di glutine nella dieta del lattante è stato per molti anni consigliato attorno ai 6 mesi di vita e, possibilmente, durante il periodo di allattamento materno per ridurre il rischio di celiachia. Due studi recenti multicentrici italiani ed europei hanno dimostrato come, nei pazienti a rischio (per HLA e per familiarità di primo grado) di celiachia, né la ritardata introduzione di glutine né l’introduzione di questo in scarsa quantità e in contemporanea con la prosecuzione dell’allattamento materno, siano protettivi per la manifestazione di celiachia a medio termine (3 e 5 anni). La ritardata introduzione di glutine è risultata solamente associata a una ritardata insorgenza di celiachia ma non a una minor prevalenza di patologia.

 Svezzamento e FPIES

Nel periodo di introduzione dell’alimentazione complementare può (raramente) manifestarsi la sindrome da enterocolite allergica indotta da proteine alimentari (Food protein induced enterocolitis sindrome o FPIES). Questa si associa a vomito ripetuto incoercibile con pallore, possibile letargia, acidosi metabolica e shock ipovolemico che insorgono tra 2 e 4 ore dall’assunzione di nuovi alimenti, con evidenza di leucocitosi (senza aumento di PCR) e possibili scariche diarroiche con sangue, ma senza la presenza (nel 90% dei casi) di aumentate IgE specifiche. La FPIES può essere scatenata dal latte di formula oppure da diversi alimenti quali riso, soia, grano, pesce, uovo, arachidi, frutta secca, avena, frutta e verdura. In alcuni pazienti si verificano reazioni a più alimenti. La FPIES è, per la gravità del quadro clinico, spesso difficilmente distinguibile dallo shock settico e dallo shock anafilattico, ma, a differenza di questi, si risolve senza antibiotico e senza adrenalina. Il trattamento con infusione di fisiologica e cortisonico è sufficiente per la risoluzione del quadro. L’eliminazione dell’alimento dalla dieta è indicato fino all’esecuzione del test di provocazione (in ambiente protetto) per, dapprima, dimostrazione diagnostica e, successivamente, acquisizione di tolleranza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here