Pubblicato ultimo rapporto dell’osservatorio Nazionale Alcol con i dati sul consumo anche dei ragazzi e delle ragazze più giovani

Un ragazzo su due tra gli 11 e i 25 anni di età e una percentuale di poco inferiore (42,6%) tra le ragazze ha consumato almeno una bevanda alcolica nel 2019. Il dato proviene dall’Osservatorio Nazionale Alcol (ONA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) (rapporto ISTISAN 21/7 “Epidemiologia e monitoraggio alcol-correlato in Italia e nelle Regioni. Valutazione dell’Osservatorio Nazionale Alcol sull’impatto del consumo di alcol ai fini dell’implementazione delle attività del Piano Nazionale Alcol e Salute. Rapporto 2021”), e i numeri sono stati presentati in occasione dell’Alcohol Prevention Day 2021.

Diversa la tipologia di alcolici più consumati da ragazzi e ragazze: se il vino è all’ultimo posto in entrambi i gruppi (30,8% e 24,2%), nei primi la preferita è la birra (43,7%) seguita dagli aperitivi alcolici (38,5%), mentre le ragazze preferiscono questi ultimi (33,9%) e in secondo posto scivola la birra (28,4%). Restano meno consumati in generale gli amari. I consumatori abituali eccedentari sono stati il 10,1% dei ragazzi e l’8,7% delle ragazze, mentre le percentuali di binge drinking si attestano rispettivamente al 12,2% e 6,7%.

Fra i giovanissimi
Nella fascia di età 11-17 anni, cui in Italia, per legge (Legge 189 del 2012) è vietata la somministrazione e vendita di alcolici, il consumo anche solo di una bevanda viene considerato a rischio per la salute: in questa fascia coincidono gli indicatori di consumo di almeno una bevanda alcolica, consumo abituale eccedentario e consumo a rischio e nel 2019 la percentuale di consumatori è stata 18,9% tra i ragazzi e 16,9% tra le ragazze. Anche qui il consumo maggiore è stato di birra nei ragazzi (15,5%), poi aperitivi alcolici (11,2%) e vino (8,2%), mentre in questo per le ragazze viene segnalato 11,1% aperitivi alcolici e 9,6% birra e per tutti era minore il consumo di superalcolici e amari. Rispetto al passato, sia il consumo fuori pasto (9,7% dei ragazzi e 6,4% delle ragazze) sia il binge drinking (3,2% e 2,3%) non si sono sostanzialmente modificati.

Infine, in generale in questa fascia di età più giovane la prevalenza dei consumatori a rischio (sia ragazzi sia ragazze) appare diminuita rispetto a dieci anni fa, ma negli ultimi cinque anni non sono segnalate variazioni significative soprattutto tra le donne; complessivamente nel 2019 gli adolescenti minorenni considerati a rischio dagli organismi di sanità pubblica sulla base delle nuove prove scientifiche sono stati circa 750.000.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.