Il neonato “late preterm”

0
8953

Rischio neurologico

Alcuni aspetti anatomici e probabilmente funzionali della maturazione dell’encefalo appaiono senza dubbio incompleti nel periodo gestazionale caratterizzante i LP. A venti settimane di gestazione l’encefalo pesa solo il 10% di quello a termine, a 34 settimane il 65%; il volume corticale a 28 settimane è il 13% del volume a termine; quello dei LP non supera il 53%: nelle ultime 6 settimane di gestazione prima del termine deve quindi costituirsi ancora circa metà del volume totale dell’encefalo. Inoltre, la sostanza bianca, poco rappresentata nel pretermine di alto grado, aumenta di ben cinque volte nel periodo compreso tra 34 e 40 settimane. Simultaneamente a questi fenomeni, si sviluppano la sinaptogenesi e l’arborizzazione dendritica, ma soprattutto le connessioni neuronali, così importanti e determinanti per la maturazione delle funzioni superiori.

Nello spazio di tempo compreso tra le 34 e le 37 settimane di età gestazionale i neonati possono sviluppare sia le lesioni tipiche dei neonati più prematuri sia quelle dei nati a termine, quindi una gamma maggiore di lesioni rispetto ai nati Very Low Birth Weigth (VLBW) o rispetto ai nati a termine. I LP, infatti, possono sviluppare la leucomalacia periventricolare (PVL) e l’emorragia intraventricolare da sanguinamento della matrice germinativa (GMHIVH), tipiche dei VLBW, ma anche lo “stroke”, le lesioni da asfissia o altre lesioni vascolari (figura 1).

Ecografia cerebrale transfontanellare (scansione coronale posteriore passante per i trigoni) in neonato di 36 settimane + 2 giorni. Il piccolo presenta convulsioni a 6 ore di vita. Si evidenzia infarcimento emorragico di tipo venoso in sede intraventricolare e intraparenchimale sinistra

Rappresentando i LP la seconda popolazione più numerosa dopo quella dei neonati a termine, è facile intuire quanto accurata debba essere la ricerca di queste condizioni patologiche, che però, a differenza del nato a termine, non sempre si manifestano con evidenti sintomi clinici e pertanto sono di più difficile identificazione . Il problema della paucisintomaticità del LP è particolarmente attuale per le forme di PVL che possono ancora interessare tali fasce di età gestazionale; è molto probabile che il problema sia sottostimato per la mancanza di un programma di screening con neuroimmagini in tali pazienti che, sovente, sono dimessi dalle strutture ospedaliere prima che si evidenzino le lesioni.